A chi compete il controllo sulla competenza del progettista?

A chi compete il controllo sull’idonea qualificazione del progettista nella fase di collaudo?
Tale controllo non sembra poter essere attribuito al collaudatore; la funzione del collaudo è, infatti, quella di verificare e certificare che l’opera e/o i lavori siano stati eseguiti a regola d’arte e secondo le prescrizioni tecniche prestabilite, in conformità della documentazione tecnico-progettuale (progetto, eventuali varianti ecc.). Ne sembra conseguire che, qualora nel progetto non siano riscontrabili vizi e/o difetti, l’intervento dovrà comunque essere collaudato.
Il controllo sull’osservanza delle competenze professionali non è, tuttavia, avulso dall’attività di collaudo complessivamente considerata, ossia estesa anche al profilo amministrativo, almeno per ciò che attiene alle costruzioni in zona sismica. Nelle zone sismiche, infatti, il complesso sistema di denunce ed autorizzazioni preventive previsto dagli artt. 93 e 94 del D.P.R. 380/2001 fa ricadere sui competenti Uffici regionali l’accertamento del rispetto delle predette competenze professionale e l’obbligo di denunziarne l’eventuale violazione.
La questione è stata oggetto di approfondimento da parte del Consiglio Nazionale degli Ingegneri che ha prodotto un documento a riguardo (scarica il documento).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: